La lista del commesso

Il buon Luigi Di Maio, miracolato disoccupato noto per vestirsi come un commesso di D&G e per essere anche il vice presidente (sic!) della Camera, ha compilato la lista di proscrizione dei giornalisti nemici del “movimento degli onesti”. Se la cosa fosse seria si potrebbe parlare di emergenza democratica e di necessaria e strenua difesa della libertà di stampa. Considerando però la conclamata allergia del Di Maio ai congiuntivi si può derubricare il tutto a semplice invidia.